Convento Santuario di San Pio da Pietrelcina, 18/11/2019, dedicazione basiliche dei santi Pietro e Paolo

Archivio
E' morto il frate che amministrò l'unzione degli infermi a Padre Pio

È morto oggi padre Paolo Covino, il frate minore cappuccino che amministrò l'unzione degli infermi a Padre Pio nella notte tra il 22 e il 23 settembre, quando il Santo terminò la sua missione terrena.

Padre Paolo avrebbe compiuto 94 anni tra pochi giorni. Era nato, infatti, a San Giovanni Rotondo il 25 dicembre 1918, anche se all'anagrafe fu registrato il 2 gennaio, dichiarando che la sua nascita era avvenuta il primo giorno dell'anno.

I suoi genitori, Michele Covino e Maria Assunta Magno, lo fecero battezzare con il nome di Pietro il 4 gennaio 1919 nella chiesa madre del paese dal canonico don Domencio Palladino.

Un mese dopo Assunta portò quel bambino al convento dei Cappuccini per farlo benedire da Padre Pio, che da quattro mesi portava impresse le stimmate nelle mani, nei piedi e nel costato. Il Frate tracciò un segno di croce sul capo del neonato e disse alla donna: «Auguri... auguri... auguri!». «Perché tanti auguri?», chiese Assunta. «Questo bambino sarà sacerdote», rispose Padre Pio.

Pietro, ignaro della profezia fatta dal Cappuccino di Pietrelcina a sua madre, dall'età di sei o sette anni cominciò a frequentare il convento e a servire la Messa di Padre Pio. Nacque così la sua vocazione.

Il 17 settembre 1935, nel convento di Morcone, Pietro indossò l'abito cappuccino e cambiò il suo nome in fra' Paolo da San Giovanni Rotondo. Dopo gli studi teologici, compiuti nel convento di Campobasso, il 21 marzo 1942, fra' Paolo fu ordinato sacerdote nella chiesa del Sacro Cuore del capoluogo molisano da mons. Secondo Bologna, vescovo della città, che morirà l'anno seguente, sotto le macerie dei bombardamenti americani, dopo essersi offerto vittima per la sua diocesi.
Solo dopo la Messa di ordinazione mamma Assunta confidò al figlio: «Ora posso morire contenta, perché si sono avverate le parole di Padre Pio». E gli raccontò della profezia fatta dal cappuccino stigmatizzato 24 anni prima.

Divenuto sacerdote, padre Paolo svolse il suo ministero in vari conventi: per cinque anni a Cerignola, per 17 anni a Foggia, per tre al convento di Santa Maria del Monte a Campobasso e, nel giugno del 1968, venne destinato a San Giovanni Rotondo come sacrista. Spesso serviva la Messa a Padre Pio. E servì anche l'ultima, la mattina del 22 settembre 1968, quando l'anziano Cappuccino di Pietrelcina stava per svenire a causa di un collasso e fu sorretto proprio da padre Paolo e, soprattutto, dalle più possenti braccia di padre Giuseppe Pio da Brooklyn.

Nella notte padre Paolo fu svegliato verso le due dalla voce concitata di padre Pellegrino Funicelli, che prestava assistenza notturna a Padre Pio. Corse nella cella del Cappuccino stigmatizzato e si rese conto che stava molto male. Si recò con sollecitudine in sacrestia per prendere l'olio degli infermi. Al ritorno chiese al superiore del Convento, padre Carmelo Di Donato, il permesso di amministrare l'ultimo sacramento e di impartire l'assoluzione sub conditione al moribondo. Poco dopo, Padre Pio, ripetendo i nomi di Gesù e di Maria, chinò la testa e spirò.

L'anno seguente padre Paolo ebbe l'incarico di cappellano all'ospedale di Larino; nel 1973 fu trasferito a San Severo e nel 1985 tornò a San Giovanni Rotondo come cappellano dell'infermeria provinciale, dove è rimasto fino alla fine dei suoi giorni.

Padre Paolo ha svolto il suo lungo ministero - 70 anni di sacerdozio festeggiati il 21 marzo di quest'anno - dedicandosi principalmente ai bambini e ai ragazzi: agli araldini (i bambini dell'Ordine Francescano Secolare), agli scout e, negli ultimi anni, agli alunni delle scuole della sua città, conquistando con la sua parola semplice e con la sua coerenza di vita tanti di loro e, in qualche caso, divenendo strumento della chiamata divina. Ben 15 sono le vocazioni alla vita religiosa e sacerdotale sbocciate grazie a lui, tra cui l'ex ministro provinciale Paolo Maria Covino dei Frati Minori Cappuccini, che è anche suo nipote, e l'attuale custode del Sacro Convento di Assisi, Giuseppe Piemontese.

Padre Paolo, essendo stato testimone privilegiato della vita di Padre Pio, aveva scelto di non tenere per sé quanto aveva potuto vedere e ascoltare e, a tal fine, aveva raccolto i suoi ricordi e quelli delle persone a lui vicine in un libro, intitolato "Ricordi e testimonianze", pubblicato dalle Edizioni Padre Pio da Pietrelcina per la prima volta nel 1992, ora giunto alla sua quarta edizione.

La salma di padre Paolo sarà composta nella chiesetta antica di Santa Maria delle Grazie per ricevere l'omaggio dei fedeli. I funerali saranno celebrati domani mattina, alle ore 11,30, nel santuario di Santa Maria delle Grazie, saranno presieduti da fr. Francesco Daniele Colacelli, ministro provinciale dei Frati Minori Cappuccini della Provincia religiosa di Sant'Angelo e Padre Pio e saranno trasmessi in diretta da Padre Pio Tv.

San Giovanni Rotondo, 17 dicembre 2012


Non aver figli, per uno sposato, è come non poter celebrare, confessare ed esercitare gli altri atti di ministero per un sacerdote. Certamente uno che non ha figli, si sente umiliato (AP).

Ultime Notizie

Programma dettagliato della peregrinatio mariae 11-25 Novembre 2019

La venerata icona della Madonna Neradi Czestochowa, regina della polonia,a San G...

La Madonna di Częstochowa a San Giovanni Rotondo

A partire dal 11 fino al 25 di novembre L'icona pellegrina della Madonna Nera di...

Novena e festa di San Francesco d'Assisi 2019

NOVENA 25 SETTEMBRE – 3 OTTOBRE CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE Or...