Convento Santuario di San Pio da Pietrelcina, 22/10/2017, s. Verecondo

Eventi
Casa Papa Francesco

Arrivano le prime 2 famiglie a “Casa Papa Francesco”

COMUNICATO STAMPA 1/2017

Arriveranno martedì 7 marzo, all'aeroporto di Bari, le due famiglie di profughi che saranno
alloggiate presso "Casa Papa Francesco. Padre Pio per le famiglie di migranti", realizzata dai Frati
Minori Cappuccini a San Giovanni Rotondo per offrire ospitalità a cittadini stranieri in difficoltà e
donata idealmente il 5 febbraio dello scorso anno al Santo Padre, come segno concreto per ricordare
l'onore che egli ha riservato a san Pio da Pietrelcina scegliendolo, durante il Giubileo straordinario
della Misericordia, come modello per i sacerdoti impegnati nel ministero della Riconciliazione
sacramentale.
Si tratta di due famiglie siriane, da tempo sfollate in un campo profughi della Giordania, ciascuna
con un componente gravemente malato e bisognoso di cure. Giungeranno in Italia grazie ad uno dei
corridoi umanitari attivati dalla Conferenza Episcopale Italiana, frutto di un accordo con il Governo
Italiano, per garantire un ingresso sicuro e protetto nel nostro Paese a persone che si trovano in
condizioni di particolare vulnerabilità (vittime di persecuzioni, violenze, guerre, famiglie con
bambini, anziani, malati e persone con disabilità).
Da Bari le due famiglie saranno subito trasportate a San Giovanni Rotondo con un pullman messo a
disposizione dalla Caritas diocesana di Manfredonia, che coordinerà le attività ricettive e
assistenziali, nelle quali saranno coinvolti l'Ordine Francescano Secolare di San Giovanni Rotondo,
la Parrocchia di San Francesco d'Assisi e, per le prestazioni sanitarie, l'ospedale "Casa Sollievo
della Sofferenza" e il presidio residenziale "Gli Angeli di Padre Pio" della Fondazione "Centri di
riabilitazione Padre Pio Onlus". Nella tarda serata del 7 marzo, quindi, potranno già prendere
alloggio nella "Casa Papa Francesco", progettata per far dimorare quattro nuclei familiari. In questa
prima fase di utilizzo saranno soltanto due, perché le famiglie sono numerose: una composta da
nove persone, l'altra da sei.
La simbolica consegna della chiave dell'immobile a Papa Francesco è stata effettuata il 5 febbraio
2016, nel corso di un'udienza privata concessa dal Pontefice a una delegazione di Frati Minori
Cappuccini del Convento di San Giovanni Rotondo.

San Giovanni Rotondo, 4 marzo 2017

Il Responsabile dell'Ufficio Stampa

Stefano Campanella 

allegato : "Comunicato Stampa 1/2017"


Il savio loda la donna forte perché senza tregua, egli dice, le sue dita maneggiano il fuso. Volentieri vi dirò qualche cosa su queste parole. Nella nostra canocchia è racchiuso il cumulo dei desideri che vorreste realizzare: se filerete ogni giorno un poco, se saprete con pazienza e con perseveranza tirare filo a filo i vostri disegni fino alla esecuzione, ne verrete infallibilmente a capo. Ma avvertite di non affrettarvi, perché attorcigliereste il filo coi nodi ed imbrogliereste il vostro fuso. Camminate perciò sempre cauti e prudenti, e sebbene in tal guisa andrete avanzando lentamente, farete però gran vantaggio (GF, 173).

Ultime Notizie

La Madonna di Fatima a San Giovanni Rotondo

Si rinnova a San Giovanni rotondo un singolare evento di Fede. Il 15 novembre ...

La reliquia del corpo di san Pio, d’inverno, tornerà nel Santuario di Santa Maria delle Grazie.

I dettagli della notizia sono contenuti nel comunicato stampa a firma di St...

Festa San Francesco d'Assisi 2017

NOVENA 25 settembre – 3 ottobre Chiesa di santa Maria delle Grazie Or...