Convento Santuario di San Pio da Pietrelcina, 22/10/2017, s. Verecondo

Contatti

Mettetevi in contatto con noi!!!







San Giovanni Rotondo
La storia più recente della città di San Giovanni Rotondo coincide con quella del Convento e di Padre Pio da Pietrelcina, giuntovi il 28 luglio 1916. Qui, da allora al 23 settembre 1968, visse e morì Padre Pio da Pietrelcina. La città di San Giovanni Rotondo fu fondata nel 1095 sulle rovine di un preesistente villaggio del IV secolo a.C., di questo borgo restano dei segni visibili, come alcune tombe ed un battistero circolare (l'epiteto "Rotondo" deriva proprio da questo) che anticamente era destinato al culto di Giano, Dio bifronte, e in seguito fu consacrato a San Giovanni Battista. Adagiata in una bella valle quasi a 600 metri di altezza, San Giovanni Rotondo si presenta ampia, coi tetti rossi, ben distribuita su tutti i versanti.
Come Raggiungerci

In auto
A14, (da Nord) uscita a San Severo, proseguire per la SS 272 per San Giovanni Rotondo
A14, (da Sud) uscita Foggia - superstrada 89 in direzione di Manfredonia, bivio per San Giovanni Rotondo
A16, uscita Candela e proseguire per la superstrada 89 in direzione di Manfredonia, bivio San Giovanni Rotondo

In aereo
Aeroporti più vicini:
Aeroporto di Foggia - www.aeroportidipuglia.it
"Aeroporto civile - Gino Lisa"

Aeroporti di Roma - www.adr.it
"Leonardo da Vinci-Fiumicino"
"G.B. Pastino-Ciampino"

Aeroporto di Napoli - www.gesac.it
"Aereoporto Internazionale di Capodichino"

Aeroporto di Pescara - www.abruzzo-airport.it
"Aereoporto Internazionale d'Abruzzo"

Aeroporto di Bari - www.aeroportidipuglia.it
"Aereoporto Internazionale Karol Wojtyla"

Aeroporti di Milano - http://www.sea-aeroportimilano.it
"Aereoporto Internazionale Malpensa"
"Aereoporto Internazionale Linate"

In treno
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Foggia.
per gli orari consultare il sito www.ferroviedellostato.it

In autobus
con i mezzi delle Autolinee Sita (0881/773117)
per gli orari consultare il sito www.sitabus.it


Il savio loda la donna forte perché senza tregua, egli dice, le sue dita maneggiano il fuso. Volentieri vi dirò qualche cosa su queste parole. Nella nostra canocchia è racchiuso il cumulo dei desideri che vorreste realizzare: se filerete ogni giorno un poco, se saprete con pazienza e con perseveranza tirare filo a filo i vostri disegni fino alla esecuzione, ne verrete infallibilmente a capo. Ma avvertite di non affrettarvi, perché attorcigliereste il filo coi nodi ed imbrogliereste il vostro fuso. Camminate perciò sempre cauti e prudenti, e sebbene in tal guisa andrete avanzando lentamente, farete però gran vantaggio (GF, 173).

Ultime Notizie

La Madonna di Fatima a San Giovanni Rotondo

Si rinnova a San Giovanni rotondo un singolare evento di Fede. Il 15 novembre ...

La reliquia del corpo di san Pio, d’inverno, tornerà nel Santuario di Santa Maria delle Grazie.

I dettagli della notizia sono contenuti nel comunicato stampa a firma di St...

Festa San Francesco d'Assisi 2017

NOVENA 25 settembre – 3 ottobre Chiesa di santa Maria delle Grazie Or...